La compagnia Dunamis viene fondata da Daniele Santisi, Matteo Carabelli e Paola Arcuria nel 2018 come settore di produzione teatrale dell’associazione Dunamis con sede a Milano.

Daniele Santisi incontra Matteo Carabelli nel 2013. Vivono e lavorano insieme per un anno in qualità di attori stabili al Centro Studi Teatro Urbano di Orio Litta in provincia di Lodi, presso il quale Matteo lavora assiduamente per otto anni. All'inizio del 2014 Daniele incontra Paola Arcuria nel contesto della compagnia teatrale dell'Università degli Studi di Milano, presso cui lavora come regista e insegnante. Paola si occupa di gestione ed organizzazione di corsi e spettacoli. Nel 2018 Daniele fonda con loro ed altri soci a Milano l’associazione sportiva e culturale Dunamis. Scopo del progetto è quello di creare un centro di formazione, ricerca e produzione artistica che lavori in modo trasversale sulle arti contemporanee che coinvolgono il corpo umano nella sua interezza, superando il confine tra arte e sport. Arti marziali contemporanee, teatro, canto e danza contemporanea sono le discipline fondamentali. Daniele, Matteo e Paola lavorano insieme alla produzione di spettacoli e performance di diversi generi. Dal 2018 al 2020 prendono parte al lavoro anche la performer Ylenya Giovanna Cammina e il regista Michele Ciardulli. La compagnia propone ad un pubblico selezionato nella sua sede due spettacoli di prosa del drammaturgo polacco Slawomir Mrozek (In alto mare ed Emigranti), quattro performance musicali, una lettura scenica de Il racconto degli spiriti di Charles Dickens e l'intero Inferno di Dante presentato in forma di audiospettacolo. Con il progetto teatrale Sheol, ispirato al profeta Giona, la compagnia si dedica al suo primo lavoro di nuova drammaturgia, che passa alla seconda selezione del bando Biennale Regia del 2019 e alla seconda selezione del festival dei Teatri del Sacro. 

I principali riferimenti artistici della compagnia sono lo studio del corpo e della voce nel terzo teatro, in particolare Eugenio Barba e l'Odin Teatret, e il lavoro di regia e direzione dell'attore a partire dal testo drammaturgico di Peter Stein. I suoi tratti distintivi sono la contaminazione dei linguaggi e dei metodi di studio. Una grande influenza ha, inoltre, lo studio della musica, che condividono sia Daniele Santisi che Matteo Carabelli. 
Nel 2021 si inserisce nel lavoro della compagnia anche la ballerina Giada Vitteritti, che già insegna danza moderna e contemporanea nella Dunamis dal 2018; la performer Lorena Martini e la cantante Tamara Usatova.
Nello stesso anno la compagnia Dunamis incontra Chiara Arrigoni e Andrea Ferrara di Le Ore Piccole: i due gruppi iniziano una collaborazione con un riallestimento del progetto Audizione.